IL RISPARMIO DELL'ACQUA NELLE AZIENDE ENOLOGICHE! - TUTTO QUELLO CHE NON SAI SULLE PIANTE... CHE NESSUNO TI HA MAI DETTO.... - Studio del Dott. Agr. Massimo Badino

Dott.. Agronomo Massimo Badino
Studio Badino

Clicca sul menu

freccia
Vai ai contenuti

IL RISPARMIO DELL'ACQUA NELLE AZIENDE ENOLOGICHE!

Studio del Dott. Agr. Massimo Badino
Pubblicato da in Consulenze Ambientali ·
Tags: #vendemmia#acqua#risparmioidrico
Come Utilizzare l'Acqua al meglio!



Nelle nostre piccole realtà vitivinicole una singola azienda svolge tutto l'intero ciclo produttivo dalla vigna alla bottiglia!



Le norme igieniche pretendono una maggiore igiene degli ambienti e delle attrezzature come prerequisito irrinunciabile per qualunque attività agroalimentare!

Oggi con l'introduzione di norme per l'igiene e la sicurezza alimentare e con l'adozione di Sistemi di Qualità:
HACCP - DL 155/97 - Reg CE852/04 - UNI EN ISO 9000 ed
Il British Retail Consortium (BRC) Global Standard Food

Abbiamo moltissima burocrazia da gestire e regole da seguire!

Una maggiore igiene quindi serve anche come prevenzione e controllo di alcuni difetti sensoriali dei vini!
Ma tutto ciò comporta come diretta conseguenza
l'incremento delle procedure di detersione e sanificazione!

Quindi Aumento di Acqua utilizzata e poi Scarico inquinante da smaltire!

E' possibile ridurre i volumi di acqua utilizzata?
Nei lavori delle nostre cantine abbiamo reflui in arrivo dalla vinificazione e dalla distillazione.

E' possibile depurarli attraverso processi fisico/chimici e biologici

Con questi metodi si hanno da una parte i fanghi e dall'altra acqua depurata.



Le acque reflue di scarico possono arrivare da:
  1. Lavaggio piazzali, pavimenti e condotte
  2. Lavaggio mezzi di trasporto
  3. Acque Meteoriche
  4. Acque di altri locali
  5. Perdite di prodotto
  6. Lavaggio recipienti di vinificazione, vasche e botti
  7. Lavaggio impianti ed attrezzature
  8. Lavaggio e sanitizzazione linea di imbottigliamento

Una caratteristica da tenere presente è la stagionalità del carico inquinante di questi scarichi e dei volumi di acqua impiegati!

Il picco di utilizzo per le nostre cantine di solito è tra ottobre e gennaio

In media un'azienda che produce circa 1000 hl di vino, produce reflui tra i 200hl ed i 5000hl!



Bisogna capire che il consumo di acqua riferito alla produzione della cantina è inversamente proporzionale:
  1. Alla capacità delle vasche
  2. Alla dimensione aziendale

Come dati statistici abbiamo che:
  • il 78% di acqua viene prelevata da acquedotto
  • il 16% viene prelevata da pozzi
  • il 6% viene prelevata in modo misto

Ma cosa influenza la tipologia di produzione dei reflui?
  • Le linee di imbottigliamento
  • Il grado di automazione nelle operazioni di lavaggio
  • Le modalità di sanificazione degli impianti
  • Le Attrezzature specifiche (filtri, pastorizzatori..)
  • Le Modalità/costo di approvvigionamento dell'acqua per il lavaggio
  • Il Tipo di vino imbottigliato (secchi, dolci ecc..)

Quindi cosa è possibile fare per ridurre il consumo di acqua?

STRATEGIE STRUTTURALI
  1. Pavimentazioni realizzate in modo corretto
  2. Contatori per ogni area per il controllo del consumo di acqua
  3. Separare le acque meteoriche da quelle di scarico
  4. Riutilizzare le acque pulite o poco sporche
  5. Manutenzione accurata della rete idrica

STRATEGIE OPERATIVE
  1. Lance all'uscita delle gomme
  2. Sistemi efficaci in pressione a basso volume di acqua
  3. Detergenti schiumogeni
  4. Istruzioni dettagliate per la detergenza e sanificazione con controllo dell'efficacia dell'operazione
  5. Sensibilizzare gli addetti alla problematica è sempre MOLTO IMPORTANTE
  6. Controllare sempre la BIODEGRADABILITA' in fase di acquisto di detergenti e sanitizzanti

Ragionando sulle concentrazioni e sui carichi di contaminanti è possibile aumentare l'efficienza dell'uso dell'acqua e quindi risparmiare aumentando la concentrazione del contaminante, ma mantenendo il carico stabile.

Semplificando è possibile cambiare le modalità di lavaggio...



Come soluzioni possibili vi sono alcuni tipi di filtri come:
  • Filtro rotativo sottovuoto
  • Filtro dinamico rotativo tangenziale
  • Filtro tangenziale con membrane ad ossidi metallici
  • Filtro tangenziale con membrane organiche con elevate sezioni di passaggio


Poichè la caratteristica comune dei reflui è l'elevata solubilità delle sostanze inquinanti e l'elevata biodegradabilità i sistemi migliori non sono i trattamenti chimico fisici, ma i sistemi di depurazione con l'intervento di microrganismi capaci di degradare e metabolizzare tali sostanze!

Vista la variabilità del carico inquinante conviene prevedere uno stoccaggio chiamato equalizzazione per gestire al meglio la grossa quantità di acqua da depurare.

A questo punto è possibile utilizzare due soluzioni:
  1. Eliminare le sostanze inquinanti con la depurazione
  2. Valorizzare la risorsa idrica ad uso agronomico

Quindi quali parametri devo considerare per la scelta del sistema di gestione?
  • I Quantitativi prodotti
  • Le Caratteristiche qualitative del refluo
  • La Localizzazione aziendale
  • Le Possibilità di conferire ad impianti di depurazione comunali o privati
  • I Limiti e costi del sistema di gestione

I principali sistemi di depurazione biologici riproducono ed accelerano quanto avviene in natura concentrandoli nel tempo e nello spazio.



In pratica degradiamo il nostro inquinante per riuscire a scaricarlo rimanendo nei limiti di legge.

I trattamenti possono essere:
  1. Aerobici con consumo di ossigeno
  2. Anaerobici con assenza di ossigeno

Ogni cantina ha le sue esigenze ed i sui consumi quindi è necessario effettuare studio mirato e personalizzato.

  • Se vuoi risparmiare sui costi e gestire meglio l'acqua della Tua azienda
  • Se vuoi capire dove si annidano i costi più subdoli per gestire e trattare l'acqua
  • Se hai bisogno di un consiglio su come ottimizzare il tuo sistema produttivo

Allora inviaci subito una email CLICCANDO QUI   oppure chiamaci al 3483169357

Fisseremo un appuntamento per capire cosa è possibile migliorare e risparmiare riguardo la gestione dell'acqua della tua azienda.



Nessun commento


mail
app per sito
app per sito
Torna ai contenuti